Featured Posts

To top
9 Nov

Arlésienne – L’Occitane

arlesienne-occitane

Tre fiori pieni di carattere, con una propensione per il paradosso, si intrecciano in note muschiate. Insieme racchiudono la personalità inafferrabile di una donna libera di essere esattamente ciò che vuole essere.

La rosa centifolia, la violetta di tourrettes sur loup e lo zaffero provenzale.

Nei giardini della città dei profumieri, la Rosa Centifolia si raccoglie all’alba, prima che si affaccino i primi raggi del sole. I fiori appena aperti vengono delicatamente afferrati tra pollice e indice, poi staccati dal gambo.

Marcel Quentin è uno dei pochi produttori di violette rimasti nella regione. I suoi campi si trovano ai piedi di questo villaggio, che si trova su un altopiano roccioso interno. Migliaia e migliaia di foglie con venature delicate formano onde verdi che ricoprono il paesaggio. Tagliate a mano, vengono raccolte tra febbraio e settembre e poi lavorate per ottenere l’essenza nelle fattorie di Grasse. Granuloso e leggermente dolce, il fiore ricorda la nobiltà dell’iris. La foglia di violetta, infatti, è il suo alter ego: croccante, vibrante e verde, cattura la vera essenza della natura e la vitalità delle piante.

 

crema-mani-arlesienne_loccitane

 

Uomini e donne della regione provenzale hanno imparato a vivere in armonia con un fiore che maneggiano con grande cura. Quando arriva il momento, il giorno della raccolta, gli stigmi sono estratti a mano dal fiore. I petali vengono separati e lasciati asciugare. Poi, usando un processo sviluppato da L’OCCITANE, viene estratto un ingrediente unico e straordinario, la cui fragranza unisce un pizzico di spezie e cuoio.

Tradizione e cultura si uniscono, come sempre, nei prodotti L’occitane, che non parte solo dagli ingredienti per realizzare prodotti magici, qui c’è anche una storia, perché bisogna affascinarsi per creare qualcosa di unico.

I motivi intrecciati sul nastro di una donna di Arles, che seguono un linguaggio dei colori tutto loro. Tonalità luminose raccontano l’audacia di una donna che è assolutamente libera; lo sfondo bianco è permeato di femminilità. Sfumature profonde enfatizzano il sensuale mistero di una personalità inafferrabile. Ispirata a questo linguaggio senza parole e senza tempo, la floreale e muschiata opulenza della nuova Arlésienne che rivela tutta la sua ricchezza in un’esilarante nuvola di muschio e fiori. Questa fragranza, profonda e caratteristica, sottolinea la personalità di una donna che ama la propria libertà.

Questo connubio di fiori rivela prima una tenera innocenza, poi un’ipnotica sensualità. Timide, carezzevoli, seducenti e impetuose, le muse floreali che hanno ispirato il profumiere Fabrice Pellegrin si intrecciano col muschio, rivelando una fragranza assolutamente, squisitamente sensuale.

 

mm
Giorgia Chiampan

Armadi che non bastano più, pensieri che non si fermano mai. Lavora come web editor e digital specialist per brand di moda, beauty e design, le piace un casino ma che fatica star dietro a tutto.

No Comments

Leave a reply