Featured Posts

To top
9 Mag

Se bella vuoi apparire, un po’ devi soffrire

SILK-SE-BELLA-VUOI-DIVENIRE

Lo dicevano le nostre nonne e fuorché una non nasca graziata da Madre Natura, bellissima e perfetta, mai motto fu più veritiero: se bella vuoi apparire, un po’ devi soffrire. E se un tempo le torture alle quali ci si poteva sottoporre erano relativamente poche, oggigiorno abbiamo l’imbarazzo della scelta: prodotti assurdi – ma non per questo non efficaci – che ci costringono a restare ferme immobili per tempi lunghissimi o prodotti che richiedono preparazioni da piccolo chimico prima di essere applicati. Ma andiamo con ordine.

Innanzitutto, la prima sofferenza (sebbene solo relativa) ha il nome di ‘costanza’: qualsiasi cosa voi facciate, serve lei perché nessun prodotto se applicato one shot porterà i risultati sperati. Ovvio, se siete amiche della Fata Turchina ecco che allora le cose cambiano. E sì, i fanghi anticellulite continuano a essere una gran fatica, dall’applicazione alla pellicola trasparente da applicarvi, fino alla posa di quasi un’ora, ma a quanto pare è nel campo delle maschere che stanno arrivando le novità più impegnative.

La Super Peeling Liquid Shiny Food di Tony Moly, ovvero la maschera/calzettoni in tessuto da tenere ai piedi per un’ora e mezza per eliminare tutta la pelle morta (si staccherà nei 4/6 giorni successivi). E qui la fatica è doppia, sia durante la luuuunghissima applicazione sia dopo: come la nascondi tutta quelle pelle?! Ma stando ai pareri sparsi sul web ne vale assolutamente la pena: piedi lisci e morbidi assicurati!

SILK-tonymoly_peeling

E restando ancora in casa Tony Moly, ecco la Earth Beauty Mud Mask Sheet, maschera in tessuto a base di fango (!) che assorbe le impurità e riduce la visibilità dei pori. Altra doppia difficoltà: tenerla in posa per 40 minuti e incastrare bene i due pezzi di cui la maschera è composta. Non temete, anche qui i vostri sforzi verranno premiati: dopo averla provata, tutti gridano al miracolo!

SILK-tonymoly

 

È nera nerissima, del resto l’ingrediente principale è la polvere di carbone. Sto parlando della Black Ghassoul Peel Off Nose di Missha perfetta per eliminare impurità e punti neri. Per funzionare davvero però occorre preparare la pelle con cura prima e far aprire i pori con dei vapori caldi. Dopodiché se ne distribuisce un’adeguata quantità sulle zone interessate, aspettare circa 30 minuti fino a quando il prodotto non è secco e …sperare di averne messo uno strato abbastanza spesso per non soffrire troppo mentre lo si rimuove!

SILK-missha

AAA laurea in Medicina cercansi per preparare le Face Injection Mask di OOZOO, maschere in tessuto ma “a iniezione”. Primo step: preparare la siringa per poi iniettare gli attivi. Come? Scartare la siringa, premere per un quarto il tubo, agitare, rimuovere la sicura bianca, inserire la siringa nell’apposito foro al centro della seconda parte della confezione, amalgamare il tutto, tenere in posa per 20 minuti. Cosa promette dopo tutta questa accurata preparazione? Di distendere quella azzurra, di illuminare quella rosa o di nutrire quella beige.

SILK-oozoo

E va beh, cosa non si fa pur di avere una pelle fantastica, luminosa e perfetta! Ma almeno c’è una gioia: se siete una di quelle persone che vanno a letto con l’impacco per i capelli pensando che così agirà meglio e otterrete risultati eccellenti, potete abbandonare questa scomodissima pratica. Ormai gli olî – specialmente quelli naturali – se utilizzati come impacco pre shampoo per circa venti minuti o dopo lo shampoo come tocco finale, daranno lo stesso risultato! Come anche una maschera professionale da usare al posto del balsamo una volta a settimana.

 

 

mm
Eleonora Russillo

Da piccola mi avevano detto che non ero portata per la matematica, così mi sono dedicata alla scrittura. Oggi lavoro nel digital, scrivo per clienti vari, ma anche un po’ qui e un po’ là per diletto. E il mio bagno è ricolmo di prodotti beauty che adoro scoprire e testare.

1 Comment
  • Sybelle

    Ecco, ora li voglio tutti a partire dai calzettoni di TonyMoly. Dove li trovo?

    9 maggio 2017 at 10:55 Rispondi

Leave a reply