Punto nero incistato: cos’è e come toglierlo

punto nero con ciste

Come estrarre un punto nero sottopelle senza fare disastri? Ecco i consigli degli esperti

I punti neri sono un problema per molte di noi, non si può negare. Una pulizia del viso ed un peeling corpo fatto dall’estetista sarebbe un’ottima soluzione per avere una pelle sempre liscia e libera dalle impurità è però altrettanto vero che per mancanza di tempo o motivi economici si preferisce optare per il fai da te. Ciò, però, può portare all’utilizzo di tecniche sbagliate o prodotti troppo aggressivi per la pelle che potrebbero peggiorare la situazione trasportando altri batteri per il corpo.

Sono tra gli inestetismi cutanei più odiati dalle donne ma, fortunatamente, il problema può essere risolto comodamente in casa in poche e semplici mosse: ossia esercitando pressione con le dita sulla pelle adiacente, provocando di fatto una vera e propria eruzione del pus.

A chiunque, però sarà sicuramente capitato, almeno una volta nella vita, di scovarne alcuni grossi come pepite, tanto da lasciarvi senza parole, circondato ad un anomalo gonfiore della pelle intorno. In questo caso si parla di punti neri incistati ed in situazioni simili la procedura per rimuoverli, senza correre il rischio di peggiorare la situazione, è leggermente più complessa in quanto vi è, molto probabilmente, un’infezione in corso.

Chiariamo infatti subito che, la pelle arrossata ed irritata sta ad indicare che vi è un’infiammazione da trattare e ciò deve essere fatto per circa sette giorni, prima di poter intervenire con la rimozione vera e propria del punto nero. Quindi, anche se la tentazione di schiacciarlo e vederlo esplodere è tanta, vi consigliamo di non farlo subito perché potreste dover affrontare altre problematiche in seguito.

Le cure preparatorie, generalmente, consistono nell’applicazione di un prodotto ad uso topico a base di gentamicina, come ad esempio Gentalyn crema oppure unguento, utile a ridurre il gonfiore. Una volta terminata questa fase la pelle intorno al punto nero dovrebbe apparire di un colorito rosaceo e non essere più gonfia.

A questo punto è possibile finalmente procedere alla sua rimozione ricordandosi sempre di lavarsi le mani e detergere la zona interessata prima di comprimere il punto nero e farlo finalmente esplodere. In ultimo ma, non per importanza, non dimenticate di tenere a portata di mano un batuffolo di cotone imbevuto di disinfettate per pulire la pelle subito dopo l’operazione.